Per informazioni 800 667 270 Lun.-Ven. 9.00/19.00|info@nappynat.it

Dermatite da pannolino: cause e rimedi

La dermatite da pannolino è un’infiammazione della pelle del bambino che si genera abbastanza comunemente nella zona coperta dal pannolino, andando ad interessare in particolare le zone intime ed il sederino. L’irritazione, la cui forma più comune è detta dermatite irritativa e si può manifestare a chiazze o in modo esteso, presenta una frequenza più alta nei bambini dai 3 ai 15 mesi e più in generale nei primi 2 anni di età, coincidendo con il periodo nel quale iniziano l’alimentazione con cibi solidi.

Da cosa dipende l’eritema da pannolino?

Le cause possono essere molteplici, dall’uso di una crema lenitiva non idonea all’acquisto di pannolini di bassa qualità che non sono in grado di garantire la giusta traspirazione alla pelle, fra cui le principali:

  1. Il pannolino è una misura troppo piccola
  2. Il bambino non viene cambiato in modo regolare e la pelle non è tenuta pulita ed asciutta
  3. Acidità nelle feci
  4. Allergia ai saponi usati, alle creme o ai detergenti
  5. Uso di pannolini che non garantiscono la giusta traspirazione della pelle
  6. Presenza di ammoniaca nell’urina, che è naturalmente presente ma che può generare irritazione

Come riconoscere un eritema da pannolino?

  1. Presenza di brufoli, piccole ulcere, piaghette e pus
  2. Un forte prurito che porta il bambino al pianto
  3. Nei maschietti, la zona genitale è arrossata, in particolare lo scroto ed il pene
  4. Nelle femminucce, la zona genitale appare arrossata e con pelle squamosa, in particolare nell’area della vagina.

Quale trattamento utilizzare per la cura di una dermatite da pannolino?

Prima di tutto è molto importante non sottovalutare l’arrossamento poiché può essere portatore di infezioni facendo diventare la zona un terreno fertile per l’attacco di funghi e batteri. Dopo aver preso coscienza di ciò, è necessario pulire ed igienizzare l’area interessata e cambiare con frequenza regolare il pannolino anche durante le ore notturne. Talvolta può essere utile, dietro prescrizione medica o almeno indicazione del farmacista di fiducia, applicare – senza farne abuso – un leggero strato di crema protettiva. Qualora si preferiscano pannolini usa e getta, è utile provare a cambiare marca, optando per alcuni dei prodotti sul mercato che, come i pannolini Nappynat, si prendono cura del problema della dermatite da pannolino proponendo un prodotto naturalmente ipoallergenico, proprio perché alcuni bambini possono essere più sensibili di altri verso il materiale utilizzato come copertura nell’assorbente del pannolino comune.

Dopo aver prestato attenzione a tutte le possibili variabili che siano in grado di determinare gli arrossamenti della pelle del vostro piccolo, in ottica di una futura prevenzione, vi consigliamo di:

  1. Evitare l’uso di salviette umidificate generiche durante la presenza dell’irritazione, ma solo acqua e sapone neutro. Dopo aver risolto il problema, è possibile tornare all’uso di salviette umidificate delicate.
  2. Dopo aver igienizzato la zona interessata, per asciugare è necessario tamponare anziché sfregare la parte.
  3. Fate molta attenzione alla misura ed alla chiusura del pannolino: mai utilizzare un pannolino di misure inferiori!
  4. Lavare accuratamente le mani prima e dopo il cambio

Infine, una rassicurazione: cari genitori, non allarmatevi se il vostro piccolo accusa questo tipo di problema poiché è molto comune. Seguendo i semplici consigli che vi abbiamo fornito, sarete in grado di risolvere il problema nel giro di qualche giorno!

 

2017-09-07T11:11:39+00:00 settembre 6th, 2017|Esperto risponde, Salute|0 Commenti

Scrivi un commento